Migliori kit da barba

La  barba è una delle componenti estetiche di un uomo più importanti, come per le donne le unghie e i capelli, anche la barba per un uomo è qualcosa di fondamentale da curare. Prendersi cura della propria barba è importantissimo e per farlo ci sono tantissime modalità e diverse informazioni oltre che una miriade di prodotti che offre il mercato di cui dovremmo sapere certamente di più.

Sia che siete nelle prime fasi della crescita della vostra barba, sia che abbiate già una base di barba, questa guida potrà sicuramente esservi utile, per iniziare o per migliorare il vostro aspetto. Che la vogliate folta o pulita, oppure disegnata non è importante. Prendersi cura della barba parte da una base unica dalla quale non si può prescindere. Ci sono infatti diversi problemi che alcuni uomini non sanno come affrontare ed è per questo che li affronteremo qui in questo articolo. Accessori utili e prodotti di qualità sicuramente faranno la differenza, ma occorre sapere come utilizzarli.

Una delle primissime domande quando si è nella fase iniziale e magari si è neofiti di barba, è proprio questa: come si fa a far crescere la barba? Sembra difficile se non si sa come fare. Sappiate che ci vuole del tempo e non tutti hanno la stessa tempistica. Per rendere una barba abbastanza folta e poterla lavorare bene e dare il garbo desiderato c’è bisogno di un lunghezza ben precisa, di almeno 3-4 cm. Per qualcuno basta un mese, per altri potrebbero non bastarne due. Per cui armatevi comunque di pazienza e passate poi allo step successivo.

Lasciar crescere la barba è importante così come per le sopracciglia. Tutti abbiamo zone del viso dove ci sono le cosiddette “chiazze” o “buchi”, ossia zone dove stranamente non crescono i peli. In quelle zone molto semplicemente ci sono meno bulbi piliferi o comunque c’è un rallentamento delle fasi anagen.  Alcune persone hanno pochissima barba, altre ne hanno di più e questo è del tutto normale poiché dipende dalla propria genetica, così come uno può essere meno alto o basso di un altra persona. Tuttavia è molto improbabile che un uomo non abbia la barba, chi più o meno ce l’hanno tutti ed è solo questione di tempo affinché tutto il viso possa coprirsi.

Igiene e cura della barba

Per avere una barba curata, il primo aspetto da considerare è l’igiene e la cura della barba. Avere una pelle pulita è il terreno fertile per una buona crescita del pelo. Pelle pulita e curata significa pelo lucido e pulito ma soprattutto impossibilità del rischio di peli incarniti ed irritazioni. Per curare la barba si deve poi passare per i prodotti giusti evitando quelli di cattiva qualità con prezzi bassi e scadenti. Ci deve essere quindi una daily routine, proprio come per i propri capelli o la propria alimentazione. Una delle regole fondamentali è quella di lavare il viso e lavare la barba. Se abbiamo la barba lunga dobbiamo lavarla proprio come fossero capelli e non poter prescindere da questo. Nella barba si accumulano germi e batteri più che nei capelli e proprio perché nei pressi della barba c’è la bocca dalla quale mangiamo. I batteri della barba specialmente se lunga possono causare infezioni, dolorose da curare. Una buona abitudine di lavaggio prevede certamente un lavaggio non troppo frequente ma nemmeno diradato. Dunque cercate il prodotto giusto, che non sia certamente aggressivo e cercate di lavarla almeno una volta al giorno. Dopodiché potete passare agli idratanti, oli e dopobarba, di cui parleremo più avanti.

Come utilizzare la spazzola e le forbici

Dopo aver appreso correttamente l’abitudine del lavaggio, passiamo a quello che è l’utilizzo degli accessori cardine utili alla cura della propria barba. Stiamo parlando naturalmente di forbici e spazzola. Quale uomo non si è mai dilettato nell’utilizzo di questo kit? Sebbene il barbiere sia sempre il nostro alleato amico, avere un buon rapporto con spazzola e forbici è fondamentale per le occasioni e per aggiustare la barba e averla sempre curata fra una seduta e l’altra dal nostro barber di fiducia. La spazzola è fondamentale se abbiamo la barba lunga. Possiamo utilizzare in alternativa, e forse è anche meglio della spazzola, il pettine che districa e scioglie i nodi. Il pettine al posto della spazzola è fra l’altro essenziale se avete la barba crespa. Ma non solo: oltre alla spazzola, è importante dare una spuntatina di tanto in tanto soprattutto se l’appuntamento dal barbiere ritarda per qualche motivo. Alcune barbe tendono a crescere in maniera non omogenea e questo dipende dalla forma dei follicoli. Alcuni peli hanno una direzione, altri ce l’hanno opposta e sembra un vero guazzabuglio. Per avere un aspetto migliore a questo punto è importante utilizzare le forbici. Inoltre alcune zone possono essere più folte di altre, ma non preoccupatevi è tutto normale, è nella fisiologia umana.

Per ottenere quindi un aspetto proporzionato e simmetrico, basta radere sotto la zona del collo e dare una forma ad U per poi proseguire tracciando una sagoma, quella che preferite, magari con un rasoio. Ma sempre dopo averla ben lavata ed asciugata.

Lo scopo della spazzole è quello di dare un senso alla barba, direzionare il pelo e rimuovere le impurità più superficiali come il polline e la polvere. Dopo aver utilizzato olii e cera fra l’altro, la spazzola aiuta a distribuire meglio il prodotto sulla barba. Il pettine invece dovrebbe essere utilizzato quando abbiamo una barba un po’ più lunga, tipo di 3-5 cm. Il pettine rispetto alla spazzola ha una funzione più districante e tende a mantenere l’ordine dei peli per chi fa fatica a causa di una barba ispida.

Quali prodotti utilizzare per la barba

Siamo arrivati al punto focale. Forse quello che stavate aspettando da tempo: quali prodotti sono i migliori per la barba? Naturalmente in commercio ce ne sono una miriade e noi non possiamo acquistarli tutti, ma in base alle nostre esigenze e al tipo di pelle che abbiamo possiamo fare una cernita e capire quale di questi prodotti e accessori si adatta maggiormente a noi e alle nostre necessità. Per prima cosa cercate uno shampoo adatto al vostro tipo di pelle: se avete i capelli grassi probabilmente avrete anche la pelle grassa. Producete quindi una quantità di sebo superiore alla media e tendete ad avere foruncoli e pelle lucida. Il prodotto adatto a voi non è quello che vi secca la pelle ma quello che la riequilibra, ossia che ne riequilibra il ph. Lo shampoo va fatto almeno due o tre volte a settimana mentre quotidianamente potete utilizzare il sapone che utilizzate per il viso normalmente, che sarà anche questo adatto alla pelle grassa e sebacea.

Shampoo

Lo shampoo per la barba,  attenzione, non è come lo shampoo per i capelli, quindi guai a pensare che farsi lo shampoo con lo stesso prodotto dei capelli va bene. Lo shampoo per la chioma della testa è più aggressivo perché il cuoio capelluto non è certamente delicato come la pelle del viso. Bisognerebbe cercare prodotti che siano il più possibile naturali e privi di siliconi e agenti chimici. Gli shampoo migliori sono quelli che oltre a pulire i peli, idratano e nutrono i peli, oltre che la pelle. Quindi optate per lo shampoo ma non dimenticatevi del balsamo, dell’olio e del dopo barba.

Balsamo

Il balsamo non è propriamente quello che si utilizza sui capelli e non è quello che risciacquiamo dopo il lavaggio della testa. Il balsamo della barba ha lo scopo di proteggere i peli e fornire una barriera protettiva contro gli agenti esterni. Il balsamo ammorbidisce inoltre e prepara il pelo ai trattamenti successivi. Il balsamo per barba ha una consistenza cerosa e prima di essere applicato sui peli va lavorato fra i due palmi della mano per scioglierlo. Chi ha una barba fatta di peli molto crespi non può certamente rinunciare al balsamo che rispetto all’olio ha una tenuta più lunga.

Olio da barba

L‘olio tuttavia non è da meno anche se comunque si consiglia a coloro che hanno una barba meno ispida. La funzione dell’olio è duplice: da una parte idrata la pelle sottostante, il che è fondamentale per avere un buon pelo ed una barba curata, e dall’altro lato previene irritazioni e pruriti. L’olio conferisce un aspetto piacevole alla barba, idratato e ordinato. In commercio ce ne sono tantissimi ma consigliamo di puntare naturalmente sui prodotti migliori quelli più ricchi di sostanze naturali in assoluto.

Dopobarba

Il dopobarba è probabilmente il prodotto più conosciuto prima ancora dell’olio e della cera idratante sotto forma di balsamo. Ci sono dopobarba di qualità e dopo barba che sono una confusione di ingredienti. Sceglierli bene è fondamentale per restituire il giusto equilibrio al nostro viso dopo i vari trattamenti. Dopo la rasatura il dopobarba è il prodotto più utilizzato nei secoli e ancora non tramonta il suo utilizzo. Se è così ci sarà un perché.

Alcuni dopobarba sono a base di alcol e altri invece sono potenzialmente idratanti e quindi a base di ingredienti emollienti. Per scegliere il dopobarba giusto dobbiamo chiederci dunque se preferiamo un dopobarba che disinfetta la nostra pelle oppure un dopobarba che idrata la nostra pelle. Per capirlo dobbiamo dunque analizzare la nostra pelle. Se siamo più orientati a disinfettare i pori possiamo utilizzare un dopo barba a base di alcol e poi utilizzare una crema oppure un olio idratante, in caso contrario optiamo per il dopobarba idratante.

In base al tipo di pelle possiamo scegliere il prodotto più adatto a noi considerando anche che le profumazioni e l’effetto sono molto diversi. Vediamo come scegliere.

  • Pelle secca: la pelle sensibile l’alcol, quindi via libera a prodotti idratanti ed emollienti. L’alcol serve a seccare e disinfettare ma peggiorerebbe la secchezza eliminando la naturale barriera protettiva della pelle.
  • Pelle grassa: la pelle grassa, di cui abbiamo già parlato precedentemente, necessita di una cura più profonda. I prodotti che contengono alcol possono aiutare a mantenere a bada la produzione di sebo e a seccare un po’ la pelle oltre a disinfettarla dai batteri che inevitabilmente si trovano nel sebo. L’alcol contribuisce ad eliminare anche quella sensazione di unto quando ci si tocca il viso e a rendere la barba pulita più a lungo.
  • Pelle rossa e sensibile: la pelle rossa e sensibile deve evitare tutti i dopobarba e tutti gli altri prodotti a base di alcol, preferendo, per ovvie ragioni prodotti emollienti e arricchiti di vitamine.
  • Pelle mista: la pelle mista è quella che non presenta particolari tendenze né alla secchezza né alla produzione eccessiva di sebo. Probabilmente la pelle mista appare come normale e in questo caso possiamo optare per un dopobarba di buona qualità di qualsiasi tipo semplicemente andando a gusto personale.

Scegliere bene significa anche saper leggere l’etichetta ed orientarsi verso prodotti con una lista di ingredienti di ottima qualità, evitando componenti che fanno male alla pelle e che servono soltanto a dare un effimera sensazione di sollievo ad alcune problematiche portandone poi altre a lungo andare. Evitiamo quindi prodotti con parabeni, siliconi e coloranti. I prodotti migliori sono quelli che riportano la scritta “senza siliconi”, “senza parabeni“, “senza coloranti”.

Attenzione all’utilizzo di rasoio e forbici

Le forbici devono essere l’accessorio sicuramente must have nel kit per la barba, ma al contempo non bisogna esagerare e ricordarsi che utilizzarle senza esperienza può portare a storpiamenti. Quindi le forbici utilizzatele soltanto per spuntare e non azzardate tagli che dovranno essere quindi affidati al barber di fiducia.  Il rasoio è uno di quegli accessori che ogni uomo prima o poi impara ad utilizzare anche solo per le rifiniture. Infatti il consiglio è quello di usarlo esclusivamente per rifinire e non per determinare sagome che devono essere quindi fatte in precedenza dal barbiere. Si può usare il rasoio  sia elettrico che quello manuale, la cosiddetta “lametta” per riprendere la sagoma ad U sotto il collo o quella che disegna il perimetro sullo zigomo. Ricordandoci però di evitare sulla pelle irritata oppure su una pelle già trattata da qualche giorno. Aspettiamo che il pelo sia almeno fuori dal poro altrimenti rischiamo di irritarci.

Se utilizziamo la lama manuale questa è sicuramente più precisa e fa meno errori rispetto al rasoio elettrico per il quale serve la mano esperta. Tuttavia, per questa scelta, utilizzate le lame usa e getta o comunque ricordatevi di coprire la lama ed evitare di utilizzarla a contatto della pelle se vediamo che si è arrugginita.

Lamette

Pennelli

Problemi di barba

La barba può portare tanti piccoli problemi o per meglio dire fastidi, simili a quelli dei capelli. Fra le problematiche più comuni ci sono quelle che sono valide anche per i capelli e quindi chiazze, prurito e forfora. Il prurito è sinonimo di pelle secca quasi sempre ma spesso anche di una cattiva igiene della barba. Individuando il problema e capendo se siamo più per la pelle secca o per la pelle poco igienizzata allora possiamo trovare la nostra soluzione. Considerando che il prurito può essere associato anche alla forfora, dobbiamo comunque trovare un prodotto che sia idratante, un buon prodotto detergente ed un buon anti forfora se è questa che abbiamo.

Il prurito può anche non comparire per queste problematiche ed essere invece fisiologico nelle fasi di ricrescita del pelo. Questo accade quando ad esempio, abbiamo i peli incarniti e quindi la grana della pelle molto spessa. Se notiamo una tendenza della pelle ad ispessirsi, probabilmente dovremmo utilizzare anche uno scrub per il viso che ci aiuta ad eliminare le cellule morte.

Se avete la pelle grassa lo scrub è fondamentale da fare almeno una o due volte a settimana e subito dopo applicare un idratante per restituire alla pelle quell’idratazione che perde inevitabilmente.

Barba e alimentazione: quanto è importante?

L’alimentazione, come sappiamo è fondamentale. Quello che mangiamo si identifica in ciò che siamo all’esterno. per una pelle bella, curata e detersa dobbiamo anche mangiare bene ed arricchire la nostra alimentazione con frutta e verdura oltre che con tanta frutta secca. Un frutto o un ingrediente segreto non esistono, ma se mangiamo molti vegetali la nostra pelle sarà più nutrita e più compatta, la nostra barba anche molto più lucida e bella da vedere. Alimenti come il salmone e l’avocado per esempio sono ricchi di omega 3, Ma anche l’olio d’oliva e la frutta molto colorata come i pomodori, le fragole e le arance sono utilissime. Non dimentichiamoci poi di bere tantissima acqua che fa molto bene a mantenere la pelle idratata evitando problemi di secchezza e irritazioni.

Alcuni prodotti fra i migliori

Fra i migliori prodotti che possiamo trovare anche online e in particolare su Amazon troviamo quelli appartenenti alle marche Artisanal, Proraso, Acaraa, Beard oil per quanto riguarda gli oli dopo barba ma anche la Collistar, Satin Naturell, Avenoo, OBH, Brickhell, Ahava che sono fra i migliori brand che si prendono cura sia della preparazione della barba prima della rasatura, sia dei trattamenti postumi alla rasatura. Questi prodotti sono solo alcuni dei più importanti sul mercato, che garantiscono la massima qualità e gli ingredienti migliori. Molti sono di origine naturale, non irritano la pelle e sono a base di ingredienti naturali, come l‘aloe vera che ha il famoso potere di lenire e desensibilizzare la pelle che tende ad arrossarsi.

Migliori kit da barba nel 2020

Anna Silvestrini

Back to top
Barba Curata